Comunità montane: non abolitele, la vera montagna esiste!

I nostri avi, i nostri nonni hanno strappato con il sangue e fatiche terribili i pascoli al bosco in luoghi incredibili, con una vera opera di lavorazione eroica del territorio che ci ha dato la cultura alpina. Ma la montagna oggi è svalutata, la globalizzazione e la stupidità della nostra società viziata hanno ridotto l’agricoltura di montagna e la biodiversità della montagna e le nostre culture a soggetti marginali, spesso. Tuttavia in nome della demagogia pura, a servizio dello stomaco degli italiani, il Governo intende abolire TUTTE le Comunità montane del Paese, anche le tante vere di luoghi veramente in montagna.

Questo Governo italiano feroce, in questi tempi bui, dopo aver deciso di mandare l’esercito per pubblica sicurezza nelle strade, dopo aver annunciato un incredibile provvedimento di limitazione delle intercettazioni e della libertà di stampa di stampo illiberale, avendo preannunciato l’intenzione di esimere le massime cariche dello Stato (vedi Silvio Berlusconi, inquisito nell’ennesimo processo) da processi per un intero anno (processi sospesi per reati fino a dieci anni, quindi i,n tutto il paese) annuncia per domani al Consiglio dei Ministri il voto di un provvedimento per rilanciare il nucleare in Italia, e abolisce nel silenzio generale un Istituto utilissimo come l’INFS, che è stato da pochi giorni assorbito in un unico grande centro di controllo nazionale con altri istituti vari, che ovviamente non avrà le stesse competenze specifiche sulla fauna. Oltre a queste sciagure civili, le cui critiche però Angelo Panebianco, dalla prima del Corriere della Sera continua a definire errori di valutazione della sinistra massimalist, aggiungendo che il vero problema dell’Italia sarebbe invece che il Premier avrebbe troppo poco potere, il Governo intende dunque anche abolire tutte le Comunità Montane d’Italia, anche tutte quelle (e sono tante) che stanno in montagna vera e che presentano sul loro territorio situazioni di degrado economico e sociale, abbandono dei giovani e spesso vera e propria frana della montagna addosso a pascoli antichi. Invece il Governo dovrebbe fare delle politiche per la montagna e per la biodiversità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...