Posteriore di Naomi Campbell in prima pagina: cattiva stampa

primanaomicampbell1Questa è la prima pagina del quotidiano “Trentino”, oggi (sabato 22 novembre 2008) in edicola.

Io scrivo per questo giornale (pagine della cultura e a volte cronaca e editoriali). Questa mattina, dopo aver visto la prima pagina, con coraggio ho scritto una lettera alla redazione e alla Direzione per protestare, in quanto donna e in quanto giornalista (naturalmente devo specificare, a scanso di denunce, di non essere iscritta all’Ordine dei Giornalisti). Aggiungo che in questi giorni a Trento si espone una bella e lucida mostra sulla prostituzione e sullo schiavismo sessuale, accanto alla quale si propongono diverse interessanti iniziative per parlare di sfruttamento e tratta degli esseri umani. Lo stesso giornale (il “mio” Trentino) se ne è occupato dando il giusto risalto alla cosa. E’ una contraddizione, allora, pubblicare così questa immagine, che rappresenta le donne nel modo più triste e piatto. Ho grande rispetto per il giornalismo, al quale sto dedicando la mia vita (in parte) con gradi sacrifici economici, per tacere.

Sotto pubblico la mia lettera. Se ritenete che le mie ragioni siano valide, vi prego di scrivere alla redazione all’indirizzo:

trento@giornaletrentino.it

all’attenzione del Direttore Tiziano Marson e del Vice Direttore    Andrea Iannuzzi

Testo della lettera inviata oggi da Maddalena Di Tolla Deflorian alla (sua) redazione del quotidiano “Trentino”:

Buongiorno,

mi permetto di esprimere con fermezza da donna (che vorrebbe affermate ed emancipate le doti di intelligenza, professionalità, umanità delle donne come degli uomini) ed anche da collaboratrice di questo giornale (dove sempre si recita il mantra “spazio ne abbiamo poco (per le cose serie…)”,
il mio totale dissenso e la mia delusione per la incomprensibile scelta del mio giornale, di piazzare in prima pagina, addirittura al centro,  il sedere dorato e profumatamente pagato di Naomi Campbell, e di dare in questo modo spazio a una non-notizia.
Ci sono più ragioni per essere stupiti e delusi:

Donne 1 : le donne, per una evidente ragione di dignità umana (ma anche del giornale) non dovrebbero più essere rappresentate a partire dai loro sederi, seni, occhi languidi. Inutile poi sprecare inchiostro negli articoli, per parlare delle iniziative di questi giorni contro lo sfruttamento sessuale: così questo giornale diffonde esattamente la bassa cultura della mercificazione dei corpi umani (tra l’altro in modo davvero stereotipato: manco originali siamo!)

Donne 2: Avete piazzato quella orribile foto proprio sopra il box “Una donna sindaco? Vota su…”: beffarda disattenzione o volontà di essere stupidamente ironici?

Serietà: In ogni caso dove sarebbe la notizia? Chi se ne frega se una riccona arrogante – che per diventare ricca non ha inventato medicine salvavite o preso un Nobel per la Fisica ma ha venduto per dollari sonanti il suo bellissimo corpo – viene in vacanza o altro a Campiglio? Cos’è, marketing territoriale  low cost, pubblicità nazionalpopolare?

Affronto: Mi sembra un affronto mettere quella foto con quella non-notizia sotto l’articolo dedicato agli stop nelle fabbriche: Naomi Campbell per mostrare quel sedere guadagna più o meno, nel tempo rapido di un flash, i soldi che un operaio in Cassa Integrazione si porta a casa in qualche mese, magari dopo aver rischiato di finire come le vittime di tanti incidenti sul lavoro.

Turismo: Infine: questa è la considerazione del turismo che abbiamo in redazione? Mi sembra offensivo anche verso i tanti operatori del turismo che si sbattono con grandi sacrifici per proporre cultura, sport, enogastronomia ben fatta, identità, serietà eccetera.  Perché ogni giorno non mettiamo in prima pagina la foto di qualche contadina, oppure di donne affermate sul lavoro, o di qualche imprenditrice delle energie rinnovabili, del turismo sostenibile..? Voi mi direte che così si vende. Certo, anche l’anima.

cordialmente, con disappunto
Maddalena


Annunci

6 thoughts on “Posteriore di Naomi Campbell in prima pagina: cattiva stampa

  1. Sono d’accordo con te Maddalena! Anch’io sono perplesso dalla fotografia in prima pagina… Non capisco alle volte chi costruisca il giornale che comunque mi sembra, come hai detto tu, attento a certe tematiche. Il fatto è che la fotografia stona (a volte ce ne sono di peggio). Comunque sia è giusto farsi sentire proprio da chi scrive sul quotidiano e anche apprezza la sua libera linea editoriale.

  2. Grazie molte per la tua presa di posizione: è messaggio, per me, di grande valenza etica e civile.
    Complimenti, apprezzo molto il tuo modo di fare servizio informativo e…formativo.
    Con stima e vicinanza.

    Angelo

  3. Grazie Angelo, mi commuovi….dopo tanti anni di lavoro nel settore della comunicazione il desiderio di avere uno spazio mio dove esercitare l’arte della sobrietà e del rigore mi è sembrata la cosa più naturale del mondo. Io sento ancora il giornalismo e l’attività di informazione come un servizio civile. Grazie, davvero grazie, sapere che qualcuno mi legge veramente mi da gioia e motivo di proseguire. Maddalena, falcoelonorae

  4. Si, hai ragione. Questo sistema, pur di far vendere, spinge anche a vendere l’anima.
    Meccanismo perverso questo. Ma dalla stampa ci si potrebbe aspettare un comportamento diverso: un contributo a far cambiare una mentalità che, da sola, non cambierà mai.

    Per me il discorso vale per le non-notizie come quella che hai evidenziato, ma anche per i titoloni a tutta prima pagina (con poi intere pagine di articoli – ?- ) quando ci sono i fatti di cronaca nera locale. Pura morbosità per soddisfare lettori che andrebbero “rieducati” e per aumentare le vendite. Appunto.

    Un saluto
    Mauro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...