Orsi: bentornati senza false paure

Orsi oggetto di polemiche sterili e infondate, da parte di pochi che però sui giornali fanno rumore. Serve razionalità e profonda consapevolezza di cosa sia l’ecosistema. In realtà le poche rilevazioni esistenti mostrano che la maggioranza dei trentini gradisce il ritorno degli orsi nei nostri boschi.

Ecco una mia risposta a argomentazioni sbagliate, pubblicata dal quotidiano L’Adige a fine agosto 2010.

L’Adige di domenica 29 agosto pubblicava una lettera di Enrico Sisler, che sosteneva l’opportunità di ridurre il numero di orsi in Trentino, rimpatriandoli in Slovenia. La tesi era motivata con la presunta incompatibilità tra uomini e orsi nelle Alpi e con la presunta pericolosità degli orsi.

La lettera contiene innanzitutto un dato falso: per Sisler gli animali in libertà sarebbero 70. Invece il numero di orsi presenti in Trentino (Rapporto Orso della Provincia di Trento, dicembre 2009) è di minimo 25 individui, massimo 30.

Nel corso del 2010 sono accertate 4 cucciolate, è probabile però che vi siano state delle morti e che alcuni orsi si siano spostati. A fine anno avremo un dato preciso ma il numero non sarà molto diverso.

In ogni caso è impossibile arrivare ai 70 orsi inventati da Sisler: gli orsi non si moltiplicano per incanto!

La lettera paventa poi la pericolosità degli orsi. Un orso è certo un animale potenzialmente pericoloso per la sua mole ma quella di una aggressione ai danni dell’uomo è un’ ipotesi remota. Questi sono i dati di una ricerca su scala europea (sito PAT):
In Italia, nelle Alpi e negli Appennini, non sono documentate aggressioni deliberate nei confronti dell’ uomo negli ultimi 150 anni. (Aggiungo: dal 2000 non si registra alcun incidente con gli umani causato dagli orsi presenti in Trentino che spaziano tra Alto Adige, Veneto e altri stati). Uno studio scandinavo basato su numerose documentazioni e testimonianze, ha evidenziato che in Svezia l’ultima vittima di un attacco risale a più un centinaio di anni fa, un cacciatore di orsi attaccato da un individuo ferito. Tra il 1976 e 1995, ci sono stati 21 incontri, con 7 feriti: di questi, 6 erano situazioni di caccia e in un caso fu coinvolta una femmina con i piccoli. Ancora, nel 1998, si è registrato in Finlandia un incidente mortale occorso ad un uomo mentre faceva footing. Nel Progetto Scandinavo sull’Orso bruno, sono stati documentati negli ultimi 15 anni in Svezia (popolata da circa 2.000 orsi) 114 incontri, nella maggior parte dei quali l’animale è scomparso, senza attacco alcuno, appena percepita la presenza umana. In Russia, in uno studio specifico, sono stati documentati 704 incontri negli ultimi anni; nessuno di questi ha implicato aggressività o ferimenti. Un altro studio, in Austria, dove è stata realizzata una immissione di orsi sloveni, tra il 1989 e il 1996, ha registrato 516 casi di incontro, tra cui 5 “falsi attacchi”, ma senza alcuna conseguenza.” Insomma, è molto più pericoloso guidare in autostrada che muoversi nei boschi abitati dagli orsi!

Sisler sottolineava la natura carnivora dell’orso per solleticare le nostre paure. In realtà l’orso bruno è un animale onnivoro opportunista, con una tendenza alimentare vegetariana.

Il 64% della dieta degli orsi studiati in Trentino è fatta di vegetali, il 6% di carcasse, il 17% di insetti. Solo il 13% è composto da altro (dati PAT).

Le predazioni ai danni di animali da allevamento sono -rispetto al numero di orsi- poco numerose. E’ un fenomeno da tenere sotto controllo ma limitabile, grazie all’esperienza, usando cani da guardiania e adeguate recinzioni.

L’ ipotesi finale di Sisler , poi, di reimpatriare gli orsi in Slovenia è priva di senso. Gli orsi di provenienza slovena erano 10, alcuni sono morti, altri in cattività (Yurka). Gli altri (la maggior parte) sono animali nati liberi, in natura e in Italia, protetti da norme internazionali, pertanto la Slovenia non ha alcun obbligo di accoglierli e l’Italia non può dislocarli come oggetti.

L’orso è una specie importante, fa parte da sempre dell’ecosistema alpino e del suo complesso equilibrio e appartiene da sempre al nostro immaginario. Anche il turismo – fondamentale per noi- non può che beneficiare dell’immagine di un territorio ancora capace di ospitare e rispettare un animale così simbolico, che l’Europa cerca di tutelare insieme a tutta la biodiversità.

Lavorare per l’orso deve significare lavorare per tutto l’ambiente. La conservazione di questa specie è solo un pezzo del necessario riequilibrio degli usi del territorio nelle Alpi e i costi sostenuti per questo impegno sono il minimo che possiamo mettere in campo, a fronte di una situazione ambientale compromessa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...