I caribou delle Alpi: sulle migrazioni dei cervi

di Maddalena Di Tolla Deflorian

8 marzo 2015

Sono fra gli animali archetipici delle Alpi. Eppure di loro il grande pubblico non conosce molto, oltre i vistosi palchi di corna e i potenti bramiti. Il cervo è il più grande ungulato delle Alpi e necessita di ampi spazi per i propri spostamenti. Probabilmente la maggior parte delle persone però non sa che i cervi compiono delle migrazioni, che superano anche i 30 chilometri. Insomma, sono un po’ i caribou di casa nostra.

Cervo_inverno

La scienza ha iniziato a studiare questo fenomeno intorno agli anni trenta del Novecento. I primi studi ebbero luogo in Svizzera e oggi si continua a studiare. Martedì sera ha presentato una interessantissima relazione in merito al Museo di Scienze naturali di Bolzano Luca Pedrotti, grande esperto di ungulati e coordinatore scientifico di quel Parco Nazionale dello Stelvio dove la questione cervi è da anni un tema problematico al centro del dibattito. Per monitorare il fenomeno nel Parco dello Stelvio negli anni sono stati catturati e marcati oltre 200 animali e applicati 80 radiocollari.

Abbiamo chiesto a Luca Pedrotti di raccontarci le conoscenze che ha accumulato in anni di studio.

Pedrotti, per quale ragione un animale come il cervo è portato a compiere una migrazione?

«I cervi compiono degli spostamenti migratori stagionali per ottimizzare l’uso delle risorse o, detto con altre parole, il loro budget di energia. Sappiamo che solo una percentuale di una certa popolazione di cervi si sposta, mentre un’altra parte della stessa rimane costantemente nelle stesse zone. Anche i fattori climatici e il disturbo umano possono indurre o influenzare la migrazione.

Teniamo presente il dato che un tempo il cervo frequentava abitualmente i fondovalle delle Alpi, non essendo una specie tipica delle zone in quota. Nel tempo però i fondovalle sono diventati troppo urbanizzati, disturbati e frammentati (impedendo i movimenti degli animali) per i cervi».

In alcune valli, anche nel Parco Nazionale, le densità locali sono diventate un elemento critico. Gli spostamenti naturali sono in qualche modo ostacolati?

«Pensiamo alla Val Venosta, ad esempio. Là la densità è cresciuta in una prima fase più dentro il Parco, per l’ovvia ragione che al di fuori dell’area protetta si caccia e ovviamente i cervi scelgono le zone più sicure. Dopo di che una gestione interna al Parco dei cervi, con un prelievo misurato, ha cambiato la situazione, portando ad una maggiore densità di cervi fuori del confine dello stesso. A questo fenomeno si è sovrapposto un ostacolo alla capacità di spostamento naturale dal versante a nord verso quello a sud, perché sono presenti molte recinzioni in Val Venosta, a legittima difesa delle coltivazioni».

Cosa succede alla capacità migratoria dei cervi con il cambiamento del clima?

«Una serie di anni con inverni miti produce l’effetto della perdita della memoria storica delle rotte migratorie, utili per raggiungere quartieri di svernamento favorevoli, tipicamente tramandate soprattuto di madre in figlia. Quando arriva un inverno particolarmente duro si assiste quindi ad una elevata mortalità. Ad esempio nell’inverno 2008-2009, particolarmente nevoso e freddo, nel Parco dello Stelvio morirono di fame e stenti, si stima, 700 cervi. Le nostre stime ci dicono che per ora questo non comporta un rischio per la specie. La popolazione si è ripresa negli anni successivi. Pensiamo anche al caso di Yellowstone: in quel Parco nazionale americano negli ultimi 15 anni si sono registrate temperature medie in crescita e una minore piovosità. Il risultato sono pascoli estivi, verso i quali i cervi migrano, con una ridotta qualità».

Il ritorno naturale del lupo potrebbe avere qualche effetto su queste migrazioni?

«È presto per dirlo, le relazioni dentro gli ecosistemi sono complesse. Possiamo però affermare che in base ad altri casi il ritorno dei grandi predatori contribuisce in generale a riequilibrare l’uso del territorio da parte degli ungulati. Inoltre, con l’aumento dei predatori, aumenta il costo della migrazione. Possiamo quindi aspettarci ragionevolmente una riduzione della concentrazione di cervi in aree particolari, che possono diventare un problema sociale ed economico, per i danni ad agricoltura e patrimonio forestale».

I cervi dunque migrano, non conoscendo confini. Cosa possiamo dire della situazione nelle Alpi e nel Parco, in particolare?

«A nord delle Alpi naturalmente gli inverni sono mediamente più rigidi e dunque molti più cervi sono spinti a migrare. Ci sono delle differenze legate alle caratteristiche dei luoghi, dunque. In generale tuttavia dobbiamo pensare che nelle Alpi, a differenza del caso americano di Yellowstone, abbiamo un’elevata densità insediativa e di attività economiche anche alle medie quote. Si tratta quindi di studiare i fenomeni da un punto di vista tecnico e poi capire come mitigare i conflitti sociali con strumenti adeguati.

Ricordandoci che in passato abbiamo sterminato il cervo italiano e oggi nelle Alpi abbiamo cervi arrivati dalle popolazioni occidentale e orientale (quella definita Danubiana – dei Carpazi). Di originale in Italia ci resta il cervo della Mesola… La specie comunque non è a rischio, anzi, è in crescita, grazie alla ripresa dagli anni Cinquanta con una migliore gestione venatoria e un importante contributo delle aree protette.

Le stime dell’Ispra attestano 80.000 cervi in italia. Nel Parco dello Stelvio (e zone limitrofe) ne contiamo (in primavera) circa 10.000, ovvero un quarto dei cervi presenti nelle Alpi. Nel Parco vi sono varie popolazioni di cervi, che entrano ed escono dal confine dell’area protetta. La situazione attuale è il frutto delle scelte gestionali del passato e vigenti. D’ora in poi vedremo anche in modo più netto le conseguenze del cambiamento del clima».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

pubblicato sul quotidiano Trentino e Alto Adige in data 8 marzo 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...